2016 10 14 Civiltà di cantiere – SAIE 2016: innovazione, sismica, Casa Mediterranea, BIM e riqualificazione urbana

La 52esima edizione della principale fiera dell’edilizia torna alle origini, puntando sul cantiere e sul costruire. Con particolare attenzione all’innovazione di prodotto e di materiali, ma anche guardando alle soluzioni costruttive orientate all’efficienza energetica e alla sostenibilità. Così la grande piazza del centro servizi viene dedicata a SAIE INNOVATION – verso impatto zero, promossa in collaborazione con Ongreening e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del territorio e del mare. In mostra 27 prodotti innovativi selezionati tra le 164 candidature presentate dalle aziende espositrici. A selezionarli una giuria composta da Marco Savoia (Università di Bologna), Massimo Rossetti (Università Iuav di Venezia), Norbert Lantschner (Presidente Fondazione ClimAbita), Domenico Pepe (esperto CasaClima), Andrea Nonni (PPAN), Roberto Binatti (Ministero dell’Ambiente), Teresa Bagnoli (Aster coordinatrice Piattaforma Costruzioni Rete Alta Tecnologia ER) e Marco Mari (Ongreening).
Interessante è la collaborazione con Ongreening, il portale internazionale dedicato al Green Building ed ai prodotti per l’edilizia sostenibile e la prima piattaforma al mondo ad offrire alle imprese e ai professionisti informazioni e aggiornamenti sui più utilizzati protocolli di certificazione della sostenibilità degli edifici, con una gamma di oltre 40 protocolli di Green Building. Un portale al quale si rivolgono ltre 27.000 professionisti. Grazie all’innovativo algoritmo ProductMAP, Ongreening supporta le aziende produttrici a valorizzare le proprie tecnologie e sistemi al fine di far scoprire nuove opportunità di mercato a livello nazionale ed internazionale.
Tra le aree espositrici e gli eventi di maggiore interesse segnaliamo l’area dedicata all’INGEGNERIA SISMICA, la FABBRICA DELLE IDEE promossa da Federbeton, e l’approfondimento sul LA CASA MEDITERRANEA nella piazza del LATERIZIO e della CERAMICA.

L’area dedicata all’Ingegneria Sismica è organizzata da ISI – Ingegneria Sismica Italiana, che presenterà le sue proposte per la riqualificazione e la messa in sicurezza del territorio e del patrimonio edilizio in una conferenza stampa Venerdì 21 Ottobre alle ore 11.30. Nel pad. 32 trovano spazio le aziende produttrici di software dedicato alla sismica e nel pad. 26 – dove è il cuore del percorso sulle tecnologie antisismiche – sono presenti produttori di tecnologie evolute e engineering specializzati che possono dare informazioni dettagliate, far conoscere e toccare con mano tecnologie oltre che fornire supporto professionali a progettisti, imprese, imprenditori, amministrazioni pubbliche. L’evento principale è rappresentato dalla presenza di H. Kit Miyamoto, presidente della Miyamoto Earthquake Structural Engineers, in un convegno sul tema dei rischi, mitigazione e ricostruzione / riqualificazione post sisma il venerdì 21 ottobre alle ore 9.30 in Sala Notturno.
Sempre nelpad.26 si trova la piazza del Laterizio e della Ceramica dedicata a ‘La Casa Mediterranea’, un modello abitativo sicuro ed energeticamente efficiente, che considera come elementi chiave gli aspetti legati alla cultura e alla particolarità del nostro territorio e in generale del bacino del Mediterraneo. Qui saranno declinati i 7 punti del Manifesto della Casa Mediterranea:
1. Riqualificare il patrimonio abitativo attraverso la rigenerazione urbana
2. Un modello fortemente legato al contesto ambientale
3. Energicamente efficiente, confortevole e salubre
4. Una casa sicura e anti-sismica grazie al laterizio evoluto
5. Arricchita da materiali ceramici innovativi e funzionali
6. Basata sull’economia circolare e pronta alla progettazione digitale
7. L’appeal internazionale del made in Italy.

Due gli eventi principali: “La Casa Mediterranea e i CAM (Criteri Ambientali Minimi) per gli ‘appalti verdi” (il 20 pomeriggio) e “La Casa Mediterranea e il BIM: l’evoluzione digitale dell’edilizia” (il 21 mattina).
Anche in questa edizione Federbeton presenta una serie di eventi raccolti sotto il titolo de LA FABBRICA DELLE IDEE. Due i macro temi al centro della riflessione, con la partecipazione dei rappresentanti delle istituzioni, del sistema di rappresentanza imprenditoriale, delle professioni e del mondo universitario: il BIM e la riqualificazione delle città. Ad aprire i tre giorni di lavoro una tavola rotonda dal titolo “Un Paese da ricostruire”. E’ prevista la partecipazione di Nicola Alemanno, Sindaco di Norcia, Gabriele Buia, Vicepresidente Vicario ANCE – Associazione Nazionale Costruttori Edili, Vasco Errani, Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione, Francesco Karrer, Presidente Comitato Scientifico Federbeton, Rossella Muroni, Presidente Legambiente, Laura Puppato, 13° Commissione permanente (Territorio, Ambiente, Beni Ambientali) del Senato (PD), Armando Zambrano, Coordinatore Rete Professioni Tecniche.

diapositiva28



I commenti sono chiusi.