Il condominio che anticipa l’NZEB di 10 anni

Progettata nel 2011, la Residenza Girasole di Fiume Veneto, dopo un anno di vita dimostra di essere quasi autosufficiente dal punto di vista energetico. Consuma il 90% in meno rispetto alla media italiana grazie ad un involucro performante e un’impiantistica innovativa. Un esempio di come saranno le nuove abitazioni nei prossimi anni.

 

Il 15 gennaio 2017 ha compiuto un anno il condominio Girasole a Fiume Veneto (PN), considerato come il primo edificio NZEB (Nearly Zero Energy Building) in Italia.

In realtà il progetto della Residenza Girasole, iniziato nel 2011, è stato redatto prima delle ultime modifiche legislative che hanno definito il concetto di edificio NZEB nel nostro Paese. Dunque si tratta di un edificio che ha anticipato di oltre 10 anni gli obblighi per la progettazione dei nuovi edifici che, in Italia, entreranno in vigore tra qualche anno.

È quasi autosufficiente dal punto di vista energetico e l’intero condominio consuma circa il 90% in meno rispetto ai consumi medi italiani. Più che l’edificio del futuro, dunque, il condominio Girasole è l’esempio tangibile di quelle che saranno le nostre abitazioni da qui ai prossimi quattro anni.

[…]

 

La ditta costruttrice è la Edil Zeta di Fiume Veneto che, già da qualche anno ha dimostrato di saper guardare al futuro, compiendo scelte che non tutti i costruttori edili si sentono ancora di fare. Evidentemente l’intervento è risultato vincente ed è stato replicato con la realizzazione di altre tre unità monofamiliari in Classe A CasaClima poco distanti, che sono in fase di ultimazione.

Tutte queste strategie sono state pensate partendo dalla progettazione di un involucro edilizio ad alta efficienza energetica, poiché soltanto attraverso un adeguato spessore di isolamento termico e una corretta progettazione del dettaglio termico è possibile ottenere un’elevata efficienza energetica. E questo vale sia per gli edifici esistenti che per le nuove realizzazioni.

“L’intervento di isolamento termico applicato all’esterno, come in questo caso, si può realizzare anche sull’edilizia esistente senza determinare un sostanziale disturbo per i residenti durante le operazioni di riqualificazione energetica”, spiega a QualEnergia.it il progettista CasaClima, Domenico Pepe, attivo da diversi anni su questa tipologia di edifici.

“Le ultime modifiche legislative in materia di incentivi, che hanno portato la detrazione Irpef dal 65 al 75% per i lavori che riguardano i condomini, determinano un sensibile ulteriore aumento della convenienza economica di un intervento di riqualificazione energetica degli edifici esistenti.”, dice Pepe.

[…]

continua su:

http://www.qualenergia.it/articoli/20170120-il-condominio-che-anticipa-nzeb-di-10-anni-in-italia

 



I commenti sono chiusi.