Gli step principali che competono al committente per la realizzazione della propria nuova abitazione

La realizzazione della propria abitazione è un passo importante perché in quell’edificio si riverseranno i risparmi di una vita e all’interno vivranno le persone più importanti: i nostri cari.
Già da questa riflessione si percepisce l’importanza di due parametri:

1. durabilità dell’investimento (incremento del valore nel tempo, riduzione dei costi di gestione invernali ed estivi)

2. qualità degli ambienti interni (qualità dell’aria interna, riduzione delle emissioni di VOC, comfort termoigrometrico e acustico)

Sempre di più mi capita di ricevere – per fortuna – richieste che mostrano sensibilità anche rispetto ad altri aspetti della realizzazione e cioè la provenienza dei materiali, l’impatto ambientale di un prodotto rispetto ad un’altro ecc.

Questa dimostrata sensibilità deve fare i conti con le reali possibilità decisionali (prodotti in commercio, costi di costruzione, tempi di approvvigionamento ecc.).

Per rendere più semplice il primo approccio, si identificano – senza pretesa di esaustività – alcuni step su cui un committente deve porre attenzione nella prima fase di orientamento di un progetto:

1. Budget complessivo (o unitario €/mq da moltiplicare alla superficie commerciale)

 

2. La scala dei valori del committente: quale valore dare a questi parametri? (punteggio da 1 a 10) e le motivazioni che orientano tale scelta?

|—–a. costo di costruzione

|—–b. salubrità dell’aria interna

|—–c. costi di gestione

|—–d. comfort interno

|—–e. materiali strutturali e di finitura

 

3. Approccio ambientale: quale valore dare a questi parametri? (punteggio da 1 a 10) e le motivazioni che orientano tale scelta?

|—–a. salvaguardia dell’ambiente in tutte le fasi del processo di realizzazione

|—–b. utilizzo di materiali naturali o a basso impatto

|—–c. gestione (riscaldamento, raffrescamento, acqua calda sanitaria, energia elettrica …) dell’edificio a basso impatto ambientale

|—–d. mobilità sostenibile

 

Approfondisci Glossario Bioarchitettura

 

4. Individuare le funzioni che saranno imprescindibili per la propria abitazione

– camere da letto: quante singole (min. 9mq), quante doppie (min. 14-16mq)?

– soggiorno con angolo cottura (20mq) o cucina separata abitabile (+5mq)?

– studio (6-8mq)

– lavanderia con centrale termica (12mq), ripostiglio (2mq) o spazi indipendenti?

– bagno (4mq)

ecc.

 

 Revisione 02 – 4/9/2017

 

Preghiamo tutti i visitatori di voler segnalare eventuali problemi di visualizzazione, realizzazione, refusi o, semplicemente, di voler fornire consigli o critiche.

Potete usare la sezione Contatti oppure scrivere all’indirizzo email del sito.



I commenti sono chiusi.